Beauty and the beast movie script pdf

in Printable by

2011, il film è ritornato al cinema in 3D il 13 beauty and the beast movie script pdf 2012 nelle sale americane, mentre in Italia è uscito il 13 giugno dello stesso anno. Molto tempo fa, in un paesino vicino Parigi, un giovane principe di bell’aspetto, ma viziato e crudele, viveva in uno splendido castello. La mendicante allora si trasformò, rivelandosi una bellissima fata che aveva voluto mettere alla prova la bontà d’animo del principe.

Resasi conto della cattiveria del giovane, la fata lo punì trasformandolo in un’orribile Bestia e gettò un incantesimo sul suo castello, che divenne un luogo tetro e oscuro, e sui suoi abitanti, che si tramutarono in oggetti animati. La fata concesse comunque al principe una possibilità di redenzione: la rosa che gli aveva donato era infatti incantata e sarebbe rimasta fiorita fino al ventunesimo compleanno del principe. Il principe, convinto che nessuno avrebbe mai potuto amare un essere tanto spaventoso, perse ben presto la speranza e si isolò nel castello, utilizzando solo uno specchio magico, donatogli dalla fata, come unica finestra sul mondo esterno. In un villaggio non lontano dalla tenuta della Bestia vive Belle, una splendida ragazza profondamente annoiata dalla vita di paese, che ama leggere e sogna una vita di avventure. Gaston, un prestante quanto rozzo e arrogante cacciatore che vuole la mano di Belle esclusivamente perché è la fanciulla più bella del villaggio. Il padre di Belle, il bizzarro Maurice, è un inventore e un giorno parte per presentare ad una fiera una macchina per tagliare la legna da lui ideata. La servitù accoglie Maurice con molta cortesia, ma la Bestia non si mostra altrettanto accomodante e imprigiona il pover’uomo nelle segrete del castello.

Belle accortasi della scomparsa del padre parte alla sua ricerca, arrivando al castello. Bestia, intravedendo una possibilità di spezzare l’incantesimo, accetta e rimanda Maurice al villaggio. L’uomo racconta ai compaesani della Bestia e chiede aiuto per recuperare la figlia, ma non viene creduto. In compenso, il suo racconto apparentemente folle stuzzica l’inventiva del perfido Gaston, che architetta un piano per costringere Belle a sposarlo. Al castello, Belle è trattata con molta durezza dalla Bestia e rifiuta ogni contatto con lui. Ciononostante, Belle non resiste alla tentazione di esplorare il castello e finisce nell’unica parte di esso che la Bestia le aveva espressamente vietato di visitare: l’Ala Ovest, le stanze della Bestia. Qui Belle trova la rosa incantata, ma viene sorpresa dalla Bestia, che reagisce con una tale furia da spaventare la ragazza e farla scappare dal castello.

La Bestia si pente immediatamente di ciò che ha fatto e corre a cercare Belle, riuscendo a trovarla in tempo per salvarla dall’assalto di un branco di lupi. La Bestia mette in fuga le belve, ma subito dopo sviene a causa delle ferite riportate. Belle, toccata dal gesto coraggioso, rinuncia a fuggire e riporta al castello la Bestia, prendendosene cura. In seguito a questo episodio, tra Belle e la Bestia nasce una timida amicizia che nei giorni successivi si rafforza sempre di più. Bestia chiede a Belle se sia felice al castello e la ragazza risponde di sì, ma non nasconde di sentire molto la mancanza del padre.

La Bestia, allora, le permette di usare il suo specchio magico e Belle vede Maurice, stremato, intento a cercarla nella foresta. Belle è angosciata e la Bestia, per amore suo, decide di lasciarla libera, anche se ciò significa rinunciare a spezzare l’incantesimo. Belle lascia il castello e la Bestia le regala lo specchio magico come ricordo di sé. Belle trova il padre e lo riporta a casa, ma al ritorno ha una brutta sorpresa: Maurice si è definitivamente compromesso agli occhi dei compaesani parlando della Bestia e Gaston lo farà internare in manicomio se Belle non acconsentirà a sposarlo. Belle è costretta a rivelare a tutti l’esistenza della Bestia tramite lo specchio magico, ma assicura che si tratta di un essere buono. Gaston, roso dalla gelosia, aizza gli abitanti del villaggio contro la Bestia e organizza una spedizione per assaltare il castello. Gaston e gli abitanti del villaggio attaccano il castello, ma vengono respinti da un’originale controffensiva da parte della servitù.

Gaston riesce comunque a trovare la Bestia che, dalla partenza di Belle, ha perduto la voglia di vivere e non reagisce alle provocazioni del cacciatore. Gaston, vigliaccamente, ne approfitta per pugnalare la Bestia alla schiena, ma subito dopo perde l’equilibrio e precipita nel burrone sottostante il castello, trovando così la sua fine. La Bestia, ormai morente, dichiara il proprio amore a Belle e la ragazza svela di amarlo a sua volta un attimo prima che la rosa incantata perda l’ultimo petalo. L’incantesimo è così infranto: la Bestia torna in vita e si ritrasforma nel principe, il castello ritorna il luogo fiabesco di un tempo e tutti i servitori riprendono forma umana.

Belle e il principe possono così coronare il loro sogno d’amore. Protagonista femminile della storia, è una giovane donna dai lunghi capelli castani. Sognatrice, amante dei libri e capace di guardare oltre le apparenze, si innamora della Bestia e trova l’umano di buon cuore represso in lui. Protagonista maschile, un giovane principe dal cuore freddo trasformato in una bestia come punizione per il suo egoismo e destinato, con l’aiuto di Belle, a ritrovare la sua umanità sopita e ritornare ad essere il bellissimo principe che era. L’antagonista principale del film, un cacciatore prestante, arrogante e maschilista, che gareggia per la mano di Belle e non ammette sconfitta. Bestia, di buon cuore ma ribelle, trasformato dal sortilegio lanciato sul castello in un candelabro. Ha l’abitudine di ribellarsi alle rigide regole del suo padrone, nonostante nutra verso i suoi confronti un forte timore.